scullymd:

Gorgeous Cinematography → 2001: A Space Odyssey (1968)


life rules

- you are never as awkward as you think you are
- you are never as annoying as you think you are
- you are never as boring as you think you are
- your compliments are never as creepy as you think they are 
- you are way more wanted than you give yourself credit for
- chin up, dude

(via cyka-xo)


La bellezza all’Europa chi gliel’ha insegnata se non noi? Quando noi avevamo Giotto che affrescava le cattedrali loro ancora disegnavano sulle capanne coi i wurstel! Scusate ma il Rinascimento! Dov’è nato il Rinascimento? Forse a Stoccolma? Qualcuno di voi ha mai fatto sei ore di coda al Louvre per vedere il famoso sorriso enigmatico dell’aringa sotto sale? Fino a due secoli fa qualunque giovane europeo che volesse diventare un intellettuale doveva venire in Italia. Prendi Goethe […] è stato qui due anni in Italia, è rimasto incantato! […] Nel 1816 Goethe ha scritto un libro, Viaggio in Italia: settecento pagine su di noi! Dimmi te se fosse andato in Belgio cos’avrebbe scritto, un messaggino?
Maurizio Crozza (via lauranoncrede)

fluohrescent:

Every girl deserves to be treated like Nicolas Cage.



midget-banana:

hijackspace:

thehttydblog:

modern-hiccup:

Me and my sibling can go from

image

to

image

in like three seconds 

#MY LIFE

on a scale from disney to dreamworks what’s your sibling relationship

MARVEL

image

(via coffee-queens)


Mi odio. Mi odio non solo per quanto riguarda il lato estetico. Sono una persona orrenda. Tendo sempre a compatirmi proprio per questo non mi sopporto. Le mie amiche non fanno altro che dirmi che non mi riconoscono più, ed io ancor meno. Odio il fatto di essere gelosa, di non sapere sempre dire la verità, di non essere brava a scuola, di non piacermi, di essere una delusione anche per me stessa, di non essere matura, di essere prevedibile e influenzabile. Odio il fatto di essere ansiosa e di non sapere quello che voglio. Odio tutte le cose che vorrei scrivere ma che non scriverò ed odio il fatto di aver così tanta confusione in testa. Odio il voler desiderare il massimo e non poterlo esigere (perchè non sono il massimo), odio il mio pessimismo e il mio positivismo altalenante. Non sopporto l’idea di non sapere che fine farò in futuro. Odio il voler fare tante cose e alla fine non portarne a tremine nemmeno una. Odio la mia timidezza e il mio imbarazzo. Odio le miei pippe mentali e la leggerezza con cui alcune persone affrkntano certi argomenti. Ma più di tutto odio questo continuo odiarmi.
sole-e-pioggia (via sole-e-pioggia)

Exaggerate the essential, leave the obvious vague.
Vincent van Gogh (via art-and-fury)